Purina Pro Plan è un marchio PURINA. Scopri chi siamo.

Convivenza tra gatti e con il cane: come comportarsi

Convivenza tra gatti e con il cane: come comportarsi

Far convivere gatto e cane o accogliere un nuovo gatto in casa potrebbe provocare stress ai tuoi pet. Ecco una guida per evitarlo. 

Ora che ti sei impegnato ad accogliere un nuovo gatto o gattino, è importante che tu conosca il modo migliore per farlo accettare dagli altri membri della famiglia, evitando così che la convivenza tra gatti o tra gatto e cane diventi un inutile stress per tutti gli animali domestici.

Come comportarsi se ci sono già dei gatti in casa

Se hai già un gatto che vive in casa, non è solitamente una buona idea introdurre un nuovo felino. I gatti sono animali solitari e di norma preferiscono non dividere la casa con altri simili. Accogliere un altro gatto  domestico potrebbe provocare in entrambi gli animali una condizione di stress che solitamente si manifesta con problemi di comportamento in uno o entrambi i  gatti, ad esempio con tentativi di dominanza e conseguenti ferite provocate da furiose lotte feline. Inoltre, il gatto più debole potrebbe smettere di utilizzare la lettiera, urinando e defecando in luoghi non opportuni. Potrebbero poi sorgere problemi associati all'alimentazione per cui il gatto dominante diventerebbe obeso e l'altro invece rischierebbe di mangiare troppo poco.

Se vuoi davvero vivere con più di un gatto da appartamento, prendi in considerazione le loro esigenze e cerca di soddisfarle al meglio. In generale, i gatti della stessa età, quelli imparentati tra loro o i cuccioli si adattano meglio a vivere insieme a lungo termine.

Esistono diversi metodi consolidati che possono aiutarti a ridurre il più possibile i problemi comportamentali dopo il primo incontro:

  1. Ogni gatto deve avere a disposizione uno spazio individuale sufficiente, con una lettiera personale e una extra per qualsiasi evenienza. 
  2. Ogni gatto deve avere le sue ciotole personali per cibo e acqua.
  3. Ogni gatto deve avere a sua disposizione un rifugio personale in cui nascondersi dove può sentirsi sicuro e protetto. 
  4. Su consiglio del veterinario puoi acquistare dei preparati di feromoni sintetici che possono aiutare a ricreare un ambiente calmo e rilassante per i tuoi gatti domestici, in particolare nei periodi di forte stress, ad esempio un trasloco o un nuovo arrivo.

Infine, l'incontro e la convivenza tra gatti deve avvenire in maniera lenta e graduale. Lascia a entrambi gli animali sufficiente spazio per studiarsi a vicenda utilizzando un trasportino per gatti o un recinto dove il nuovo arrivato può stare al sicuro da eventuali attacchi. Allo stesso tempo, queste soluzioni permettono al gatto  domestico di ispezionare con i suoi tempi il futuro compagno ed eventualmente andare a nascondersi nel suo rifugio. Ricostruisci queste occasioni di incontro in maniera graduale, ben sapendo che gli animali potrebbero impiegare da pochi giorni a diversi mesi per abituarsi alla nuova situazione. Ma soprattutto, presta particolare attenzione a tutti i segnali di possibili problemi comportamentali.

Come comportarsi se ci sono già dei cani in casa

Presentare un gatto o un gattino al cane di famiglia può sembrare meno stressante rispetto all'incontro tra due gatti, ma non è certo meno rischioso.  I cani sono animali da branco e accettano quindi più facilmente i nuovi arrivati, ma possono comunque provare paura e mostrare aggressività. Per far convivere cane e gatto è fondamentale agire con la stessa cautela e organizzare un incontro lento e graduale mantenendo al sicuro uno dei due animali.

Infine, ricorda sempre di supervisionare ogni incontro tra animali che non hanno già avuto modo di socializzare. È importante continuare ad agire in questo modo fino a quando non si è completamente sicuri che gli animali domestici si sono adattati alla presenza l'uno dell'altro, quando quindi non soffiano o ringhiano, corrono o si nascondo, ma invece iniziano a dormire uno accanto all'altro, a giocare insieme e via dicendo. Se hai qualsiasi dubbio, non esitare a chiedere consiglio al tuo veterinario o a un comportamentalista degli animali.

X
Purina TI RISPONDE