Purina Pro Plan è un marchio PURINA. Scopri chi siamo.

Come educare il gattino alla lettiera

Come educare il gattino alla lettiera

Il gattino, anche piccolissimo, è già dotato di un forte istinto a ricoprire i propri bisogni. Ama la pulizia fin da appena nato e insegnargli a usare la lettiera è piuttosto facile. Ma quando iniziare? La risposta è: subito.

Quando?

Non appena il gattino neonato è in grado di muoversi autonomamente per casa, è il momento giusto per insegnargli a fare i bisogni nella lettiera.

È qualcosa di naturale, che il micio accetta di buon grado.

Il tuo compito è solo quello di mostrargli dove si trova la sua sabbietta e di mantenerla sempre accessibile.

Dove?

Posiziona la lettiera non troppo vicina alla zona della pappa (al gatto non piace) ma nemmeno troppo lontano: il gattino potrebbe non sapersi orientare bene in casa.

L’ideale è tenere tutto nello stesso ambiente ma con una distanza di almeno un paio di metri.

Come?

Dopo aver stabilito la posizione della lettiera, mostrala al gatto, lascia che annusi tutto e quando pensi che abbia finito, se non è entrato da solo, prendilo in mano e lascialo all’interno della lettiera.

In questo modo capirà che dentro c’è sabbia e sarà naturalmente attratto dalla voglia di scavare che sorge quando è l’ora del bisognino.

Il primo approccio c’è stato, ora non rimane che osservare il gattino non appena capisci che ha bisogno del bagno. Se vedi che si perde, aiutalo.

Possibili ostacoli

Il più è fatto: già dalla prima o seconda volta il gattino si dovrebbe dirigere senza problemi verso la lettiera, scavare e poi ricoprire.

I pochi punti deboli del processo di apprendimento sono la pulizia della sabbietta e la polvere.

Per evitare che il gatto trovi sgradevole la lettiera, puliscila regolarmente rimuovendo i bisogni.

Ogni settimana invece dovrai cambiare la sabbia e lavare con cura il contenitore.

 Il gatto, infine, non ama la polvere che può sollevarsi quando scava: scegli una lettiera di qualità.

Quanta sabbia?

È importante che l’esperienza della lettiera sia sempre positiva: il gattino continuerà a usarla di buon grado e sarà felice di poter ricoprire per bene i suoi bisogni.

Occhio quindi a mettere sabbietta a sufficienza (almeno due dita, meglio tre).

Se tutto va bene, non coglierai mai il gattino a farla fuori dalla lettiera.

Se questo accadesse, sappi che non è un caso: c’è qualcosa che lo inibisce e che va analizzato.

Rinforzo positivo

Insomma: ogni gatto sa che cosa fare con la lettiera e va, grazie all’istinto e in completa autonomia, a grattare la superficie della lettiera ogni volta che ne sente l’impellenza e senza bisogno di essere istruito.

Quello che dovrai fare per dare manforte al suo comportamento è dispensargli carezze e coccole ogni volta che usa la sua sabbietta e seguire questi 5 semplici consigli per aiutarlo.

X
Purina TI RISPONDE