Purina Pro Plan è un marchio PURINA. Scopri chi siamo.

Ad ogni cane l’alimento più adatto alle sua età e alle sue esigenze

Alimenti per cani

Cosa succede al cane quando invecchia? Cambia il tipo di attività ma anche le sue esigenze nutrizionali e di conseguenza il cibo acquistato deve essere diverso. Un piccolo vademecum di come si trasforma il suo fisico e dei suoi nuovi bisogni per vivere felice e in salute.

Ogni cane diventa adulto e poi anziano a un'età diversa: questo dipende sia dalla sua taglia, sia dal suo stile di vita e dalla sua storia personale.

La terza fase della vita del cane

A partire dai 7 – 9 anni, in funzione della taglia, rispettivamente media-grande o piccola, il cane entra nella terza parte della sua vita e inizia così la fase dell’anzianità. Questo cambiamento, solitamente lento e progressivo, interessa vari aspetti della sua esistenza: lo noterai dal movimento fisico sempre più lento, dal disinteresse per il gioco attivo, da alcuni piccoli cambiamenti del manto, che potrebbe ad esempio – se scuro – tingersi di grigio, , oppure dalla tendenza a cercare maggiormente il riposo e il relax. Non è il caso di preoccuparsi: è invece un buon momento per fare un controllo dal Medico Veterinario e verificare che la sua alimentazione sia adatta alle nuove abitudini.

Cibo, elisir di lunga (e sana) vita

Spesso questo concetto viene dato per scontato, e invece non lo è affatto: una corretta alimentazione del tuo cane può aiutare ad assicurargli una vita lunga e sana. In particolar modo, accorgersi dei cambiamenti nel suo fisico è il primo modo per poter variare i pasti, proteggendolo da un invecchiamento precoce e da problemi futuri. Cuore, ossa, fegato, reni vanno protetti scegliendo prodotti più ricchi di alcuni nutrienti, mentre le misure e i quantitativi vanno ricalibrati: un cane anziano è più sedentario e dunque ha bisogno di un apporto calorico minore, e di un minore quantitativo di grassi nel pasto principale. Nella terza fase della sua vita più che in precedenza è importante tenere sotto controllo il peso: un eventuale sovrappeso caricherebbe troppo le articolazioni la cui funzionalità diminuisce normalmente con l’avanzare dell’età.

Il giusto pasto del cane anziano

Il cibo per il cane anziano, secco o umido che sia, deve tenere conto di alcune variabili: deve garantire il supporto ad una perfetta igiene orale, che col tempo viene a mancare, deve dimunire i grassi ma mantenere un alto quantitativo di nutrienti, una elevata capacità nutritiva, apportando minerali e vitamine,  di minerali e di vitamine per garantire anche il mantenimento delle funzioni cerebrali, deve avere inoltre un buon contenuto di fibre per contrastare una eventuale (e naturale) tendenza alla costipazione. PURINA® PRO PLAN® per esempio ha studiato la linea OPTIAGE proprio per garantire le funzioni cognitive del cane e l'energia essenziale al fine di mantenere uno stile di vita attivo e sano, differenziando il pasto a seconda della taglia del cane.

Sai a che età un cane diventa anziano? Scoprilo su PetPassion.tv

X
Purina TI RISPONDE